Archivio per Reason

EnergyXT2 per Linux, musica ad alti livelli

Posted in Gnu/Linux, Linux & Music, Software with tags , , , , , , , , , , on 20, marzo, 2008 by kooala23

Oggi voglio parlarvi di un ottimo programma per la produzione musicale: EnergyXT2. Prima di cominciare a parlarne devo assolutamente precisare che non si tratta di un software libero. Se si trattasse di un altro tipo di programma l’avrei sicuramente trascurato, prediligendo una delle tante alternative free. Nel campo musicale, però, so che molti utenti Gnu/Linux, sarebbero disposti a pagare pur di avere programmi completi come Reason e Cubase. Con questo non intendo sottovalutare i prodotti Open source, dico solo che è giusto che chi preferisce i prodotti commerciali, per la produzione musicale, abbia la possibilità di utilizzarli anche sotto Linux. Continua a leggere

Renoise, finalmente anche per Linux

Posted in Linux & Music, News, Software with tags , , , , , , , , , on 10, febbraio, 2008 by kooala23

Il 17 gennaio è stata rilasciata la prima beta di Renoise 1.9.1, ma la novità più interessante è sicuramente la nascita della prima versione per Linux. Renoise è un programma molto interessante, che espande il disegno di base del tracker in un ambiente completo di produzione musicale. La versione completa è a pagamento, ma potete usare la demo senza troppe limitazioni. Insomma, una buona notizia, soprattutto se la decisione dei creatori di Renoise, fosse emulata dagli altri produttori di software musicali. Sarebbe bello che gli utenti Linux avessero la possibilità, pagando, di utilizzare anche i programmi più blasonati.

Sito ufficiale di Renoise

Ottimo articolo di Linux Journal sulla versione Linux

Wired: un progetto giovane ma promettente

Posted in Linux & Music, Software with tags , , , , , , , , , , on 16, gennaio, 2008 by kooala23

wiredd.jpg

Wired è un programma per la produzione audio su piattaforme Gnu/Linux. Il suo pregio principale è sicuramente l’ottima interfaccia grafica, che colpisce sia dal punto di vista estetico, sia da quello pratico. Wired è in oltre fornito di un ottimo aiuto contestuale, che ci guida alla scoperta delle principali funzioni del programma. Il software è composto di un sequencer, su cui possiamo importare tracce audio, midi e campioni Akai, di una serie di effetti e di pluggin Ladspa e Dssi, e di alcuni strumenti virtuali. I tre strumenti sono appunto: il Wired Sampler, la Drum-31 e il Loop Sampler. Molto interessante la Drum-31, che è il pluggin beat box di Wired (molto simile a quello di Reason), attraverso il quale possiamo creare fino a quaranta sequenze di batteria. Insomma, Wired è un programma molto interessante, ma non bisogna farsi ingannare dall’apparenza, nonostante le pretese dei produttori, questo programma ha ancora molto da migliorare, soprattutto in stabilità. Per lo sviluppo di progetti audio, disponiamo di programmi più completi come Ardour e Rosegarden, i quali però hanno dalla loro parte più anni di esperienza.

Questo è il sito del progetto.

wired-shot1.png

Jack: il centro nevralgico del nostro studio multimediale

Posted in Linux & Music with tags , , , , , , , , , , on 9, gennaio, 2008 by kooala23

jack-logo.png

Jack è un software veramente eccezionale, si tratta di un server audio, cosa che in se dice ben poco, ma svolge una funzione fondamentale nella creazione di musica con Linux. Questa piccola applicazione ci permette infatti di collegare tra di loro gli ingressi e le uscite, audio e midi, dei nostri macchinari, fisici e virtuali. Il modulo Alsa (Advanced Linux Sound Architecture), il componente del kernel Linux che ci permette di usare la nostra scheda audio, gestisce una sola entrata per volta, allora Jack si interpone tra i software musicali ed Alsa, consentendoci di suonare contemporaneamente con strumenti(via midi) e programmi musicali. Visto che ne abbiamo già parlato, potremmo ad esempio creare una base ritmica con Hydrogen e arricchirla con i suoni di un sintetizzatore, registrando il tutto con Ardour, che presenterò in seguito. Senza Jack, quest’operazione è letteralmente impossibile. Chi utilizza Ubuntu, lo può installare da synaptic, il pacchetto è jackd. Consiglio caldamente di insatllare anche qjackctl, che permette di gestire Jack tramite una comoda interfaccia grafica, almeno che non siate dei linuxiani accaniti e vogliate fare tutto via linea di comando. La gui è molto semplice, e sorprendentemente ridotta, in rapporto al ruolo che svolge. Il centro delle nostre operazioni sta nella sezione Connect, dalla quale potremo inserire i nostri jack immaginari.

jack-started.png

Chi è abituato a Windows, si immagina che anche per Linux esista un software come Reason, che ci permette, da solo, di comporre i nostri brani musicali. Non è così, ma Jack ci permette di creare un mega studio di registrazione, nel quale software di vario tipo cooperano alla grande, con i nostri strumenti reali; e questo non è certo uno svantaggio. In Linux è tutto così, bisogna sudare un po’, ma si ottengono ottimi risultati.

Sito ufficiale di Jack

korg_zero8_phono_mic_input1.jpg

Linux & Music: fare musica con Linux

Posted in Linux & Music with tags , , , , , , , on 26, dicembre, 2007 by kooala23

Reason, Fruity Loops: esistono delle alternative Linux? Fino a poco tempo fa, ero convinto che su Linux fosse praticamente impossibile fare musica. In realtà non è proprio così; certo, i software musicali Open source non sono ancora ai livelli di quelli commerciali, ma questo non vuol dire che non si possano ottenere lo stesso buoni risultati. Non si può pretendere che programmi come Lmms, che ha visto la luce solo recentemente, possano competere con progetti dall’esperienza decennale come Fruity Loops.
Proprio per questo ho deciso di iniziare a pubblicare una serie di articoli dedicati a questo argomento. Raccoglierò tutti i post sulla musica in una nuova sezione del blog chiamata Linux & Music.
cubase4.jpg reason.jpg fl_0.jpg