Archivio per Browser

Songbird 0.5 il passero spicca il volo

Posted in Linux & Music, Open source, Software, Ubuntu with tags , , , , , , , , , , , on 10, aprile, 2008 by kooala23

La settimana scorsa è stata rilasciata la versione finale di Songbird 0.5. Questa versione include molte interessanti novità: più estensioni, nuove funzioni e tanti bug-fixes. Per chi ancora non lo conoscesse, Songbird è un desktop media player, pensato per ascoltare i brani presenti nelle nostre collezioni, nei nostri dispositivi portatili e nelle pagine web. Basato sulla piattaforma XULRunner di Mozilla, come Firefox è: multi-piattaforma, Open source ed estendibile. Songbird dispone infatti di una serie di plugin aggiuntivi che permettono ampliarne le funzionalità. Se siete interessati ad installarlo potete seguire questa guida. Esiste anche un pacchetto .deb su Getdeb, ma è di Songbird 0.4 ed è abbastanza instabile.

Articoli correlati:

Songbird: ecco come installarlo in Ubuntu


Annunci

Flock 1.1.1 finalmente anche in italiano. Ecco come installarlo e come importare i plugin di Firefox

Posted in Gnu/Linux, Guide, News, Software, Ubuntu with tags , , , , , , , , , , , , , , , , on 6, aprile, 2008 by kooala23

Un po’ di tempo fa avevo scritto un articolo sull’uscita della nuova versione di Flock, un interessante web browser, appositamente pensato per il Web 2.0. Ora, a un mese circa dal rilascio di Flock 1.1.1, è finalmente uscita la versione italiana. Visto che, nel post precedente, ho già parlato delle principali caratteristiche del programma, passerò subito all’argomento di oggi e cioè l’installazione e la configurazione di Flock. Se avete una versione precedente di Flock installata, dovete innanzitutto rimuoverla. Potete seguire di la procedura di rimozione riportata in fondo all’articolo, solitamente si installa in /opt, se avete scelto un altra cartella, sostituite /opt con la directory d’installazione. Continua a leggere

Flock 1.1. Una vera rivoluzione nel campo dei web browser

Posted in News, Open source, Software, Ubuntu with tags , , , , , , , , , , , on 8, marzo, 2008 by kooala23

È stato rilasciato Flock 1.1, la nuova versione dell’innovativo web browser sociale. Flock è basato su Geko, lo stesso motore di Firefox; l’appellativo “browser sociale” deriva dal fatto che integra servizi internet come: blog, condivisione di dati, aggregazione di news e tanto, ma veramente tanto, altro. Gli aspetti più innovativi sono sicuramente:

-la perfetta integrazione con facebook, wordpress, flickr,youtube,blogger, ecc…

-la possibilità di postare direttamente sul nostro blog (TypePad, Movable Type, WordPress, Blogger, e altre piattaforme),

-la comodissima Web Clipboard”, che permette di trascinare sulla barra laterale: testi, immagini e link, per averli a portata di mano

-la migliorata gestione di RSS e Segnalibri Continua a leggere

Gnome e Mozilla uniscono le forze

Posted in Desktop Environment, GNOME, Gnu/Linux, News, Open source with tags , , , , , , , on 8, marzo, 2008 by kooala23

Gnome e Mozilla hanno annunciato che aumenteranno la loro collaborazione per migliorare il supporto agli sviluppatori e l’esperienza degli utenti di applicazioni desktop Gnu/Linux. La partnership si basa su tre punti principali:

La fondazione Mozilla si unirà al gruppo di sviluppo della Gnome Faundation, per aiutarlo ad impostare le direttive a lungo termine del progetto

Mozilla riafferma l’impegno ad aumentare l’integrazione con Gnome, per lo sviluppo di Xul e di Mozilla Firefox

Mozilla annuncia che devolverà $10.000 a Gnome, per il miglioramento dell’accessibilità del desktop Gnome tramite il “GNOME Outreach Program: Accessibility”

” …continueremo a lavorare con GNOME per accertarci che gli utenti Firefox e Mozilla abbiano, sulle piattaforme Gnome, la migliore esperienza possibile ” ha dichiarato Chris Blizzard, membro della Mozilla Corporation. Anche da casa Gnome giungono entusiastiche dichiarazioni. Questa collaborazione viene in contro alle necessità di tutti gli utenti Gnu/Linux, speriamo che le cose procedano per il verso giusto; le basi ci sono.

Ecco il comunicato ufficiale.

Songbird: ecco come installarlo in Ubuntu

Posted in Guide, Software, Ubuntu with tags , , , , , , , , , on 23, febbraio, 2008 by kooala23

Songbird, è un interessantissimo player musicale Open source. È ancora in fase di sviluppo, ma è comunque già utilizzabile in tutte le sue funzioni. L’interfaccia grafica è molto simile a quella di iTunes, a cui si oppone come alternativa Open source. Songbird, combina le funzioni del joukebox con quelle del web browser, permettendoci di ascoltare sia i contenuti multimediali dei siti, che la nostra collezione di brani. Le sue caratteristiche principali sono: la compatibilità con Windows 2000/XP, Mac OS X, e Linux, la capacità di riprodurre diversi formati audio, come MP3, AAC, Ogg Vorbis, FLAC e WMA, la possibilità di utilizzare skin, il fatto che i file multimediali presenti nelle pagine visualizzate dal browser integrato diventino riproducibili in Songbird, RSS integrato e download di file MP3, la possibilità di utilizzare blog mp3 come playlist, preferiti personalizzabili, la disponibilità di estensioni, proprio come in Mozilla Firefox, la possibilità di creare dei mix personalizzabili, la possibilità di eseguire una ricerca nel computer dell’utente per localizzare tutti i file audio, al fine di aggiungerli alla libreria locale, la presenza di un’interfaccia grafica facilmente configurabile e della modalità “miniplayer”, scorciatoie da tastiera e supporto per i tasti speciali ed aggiornamenti automatici. Insomma, Songbird è un prodotto veramente interessante. Ma ora passiamo all’installazione su Ubuntu. In realtà una guida non servirebbe, perché è una procedura veramente semplice.

1 Scarichiamo il programma dal sito ufficiale, e scompattiamolo nella directory che preferiamo.

2 Scarichiamo l’icona da abbinare al programma, scegliendola tra quelle a disposizione in questa pagina.

3 Creiamo un entrata nel menù principale, cliccando col destro su applicazioni e selezionando modifica menù.

4 Entriamo nella sezione Audio e Video e clicchiamo su nuova voce.

5 Ora nella casella del nome mettiamo Songbird, in quella del comando clicchiamo su esplora, entriamo nella cartella dell’installazione e selezioniamo il file Songbird e nel commento mettiamo una breve descrizione del software. Pio clicchiamo sul riquadro a sinistra con la molla del lanciatore e, sfogliando, andiamo a cercare la cartella dove è salvata l’icona che abbiamo scaricato, la apriamo e selezioniamo l’immagine.

6 Adesso il programma è installato e reperibile dal menù principale. Lo apriamo e settiamo le impostazioni iniziali, come la lingua e la directry dove teniamo la nostra collezione musicali, e il gioco è fatto.

Insomma, ecco che, in pochi e semplici passi, possiamo cominciare ad usufruire di quest’ottimo media player, che può benissimo sostituire o affiancare altri programmi Open source come Listen.

Indywiki, consultiamo Wikipedia dal nostro desktop

Posted in Software, Ubuntu with tags , , , , , , on 2, febbraio, 2008 by kooala23

Wikipedia è diventato un tassello fondamentale per le nostre ricerche su internet, nel senso che quando vogliamo informarci su qualcosa, un salto ce lo facciamo sempre. Ma i metodi di consultazione non si fermano alla classica navigazione, grazie a Indywiki è infatti possibile accedere ai contenuti di Wikipedia senza nemmeno dover aprire il nostro internet browser. Questo comodissimo tool ci permette di cercare, tramite la sua pratica interfaccia grafica, i contentuti dell’enciclopedia libera. Ma dove sta la novità? Con Indywiki, per esempio, una volta che avete trovato l’articolo che stavate cercando, potete continuare a passare in rassegna, visivamente, tutti i soggetti correlati, perché Indywiki ne estrae le immagini. Quando cliccate sopra un’immagine, Indywiki visualizza l’articolo da cui proviene. Insomma, è una specie di browser per immagini. L’interfaccia grafica di Indywiki è divisa in quattro parti: in alto c’è  il browser di immagini di cui parlavo, che ci permette di passate ai Wiki correlati, a sinistra l’indice dei contenuti della pagina visualizzata, al centro il Wiki stesso e a destra i link testuali. Indywiki, in poche parole, scompone le pagine  di Wikipedia per agevolarci la navigazione. Inizialmente è impostato, per cercare sul sito inglese, ma non preoccupatevi, se volete potete scegliere di ricercare contenuti, in ben sedici linguaggi differenti, italiano compreso (ovviamente). Insomma, se per un motivo o per l’altro vi trovate spesso a visionare i contenuti dell’enciclopedia libera, vi consiglio si provare quest’ottimo software.  Lo potete scaricare da qui, dovete però avere già installato PyQt4 (apt-get install python-qt4). Poi basta scompattare l’archivio e cliccare sul file indywiki.py.